Posts tagged Hamilton

No TITLE (semplicemente senza ispirazione LOL)

P R E S E N T E

Dopo gli ultimi due post “particolari” torno al mio solito stile, e cioe`? Cioe` vi racconto che e` successo oggi, anche se in verita` avrei un sacco di cose da dire! Mi ricordo quando stavo per partire cinque mesi fa e come le mie giornate erano impegnatissime: le ultime uscite con gli amici, la ricerca dei regali per la famiglia, le corse per Torino per sistemare le ultime cose, gli ultimi documenti, l’ansia della valigia, ovviamente tutto coronato da quel caldo assurdo di meta` estate. Ecco, adesso e` esattamente uguale, con una sola differenza: che a Luglio sapevo che dopo sei mesi avrei rivisto tutti e ripreso la mia vita, mentre ora non c’e` nessuna certezza. So per certo che tornero` a Morrinsville, prima a poi, ma so che anche se tornero`  non saro` piu` la figlia piu` piccola di Sandra e Jim, che non attraversero` piu` la Hall del Morrinsville Collerge con la mia uniforme Gialla e Blu di seconda mano, che non partecierero` a nessuna serata dello Youth Group o lezione di Tennis al Recreration Ground. Tutto questo mi mette una tristezza infinta. Ed Ecco che di nuovo non vi ho raccontato un bel niente ma ho semplicemente vaneggiato. 

Allora, torniamo a noi e ad oggi: 27 Novembre (Come e` possibile che sia gia` il 27 Novembre!?!?!). Per la serie degli “Ultimi”: oggi c’e` stato il mio ultimo Market, quelli dove ho trascorso Sabati e Domeniche mattine seduta per terra e chiaccheranno con Sandra e Angela. Mi manchera` quel banchetto di Angela che gira per Morrinsville e dintorni con le sue collane, braccialetti, spille, orecchini e anelli fatti di perline. Infatti dovete sapere che con l’arrivo della bella stagione c’e` un mercato (suona cosi’ strano dire “Mercato” lol) dietro ogni angolo. Ma qui mercato significa principalmente “Fiera di Paese”. Mi spiego meglio: in poche parole ci sono banchetti di cose fatte a mano, di prodotti tipici e di cavolate e poi ovviamente gli stand delle scuole che vendono Torte o Salciccie e poi la classica Roulote (che mi ricorda tanto *nome di film che ora mi sfugge*LOL) che vende patatine fritte, hot dogs e bibite. Oggi ce n’e` stato uno grande proprio a 10 minuti di morrinsville e ho trovato qualcosa di interessante, esempio–> un calendario della NuovaZelanda a $2. Comunque io e la mia hostmum abbiamo lasciato il market abbastanza presto (intorno a mezzo giorno) perche` avevamo un appuntamento al ristorante di Morrinsville con tutta la famiglia, perche` questo week-end sono arrivati da Wellington i genitori e i fratelli di Kate (ieri sera c’e` stata una sua mostra ad Hmilton, ma non sono andata per ovvi motivi. Infondo non mi sta neanche troppo simpatica, lol). Fatto sta che ho preso una Coca e un bel piatto di CurlyFries (che sono proprio buone!) e siamo stati a pranzo tutti insieme fino alle tre: e` stata la prima volta che un pranzo e` durato cosi` tanto!! Poi di nuovo tutti a casa e mi sono dedicata al mio Album, e sono felicissima perche` ho solo piu` 15 pagine (se qualcuno non lo sapesse, sto facendo un album stupendo su tutta la mia esperienza in NuovaZelanda ed ha 48 pagine = quasi 200 foto!). Poiche` abbiamo fatto un “Grande Pranzo” non si fa cena, ma io il grande pranzo non l’ho fatto perche` nn c’era niente che mi ispirava (quindi solo le patatine xD) e mi sa che adesso (quando ho finito di scrivere) mi andro` a preparare qualcosa.

P A S S A T O [penso fosse il 17]

E oggi mi dedico anche al mio passato. Che mi sembra “troppo passato”. Cerco di spiegarvi meglio: da una parte mi sembra che ieri fosse l’11 Luglio e che mi trovavo a Malpensa, ma poi dopo quel giorno tutto sembra cosi’ lontano! Come se fosse cosi` normale, come se fosse una vita che vivo qui e come se il 17 settembre fosse solo una giornata tra le tante. Ok, non ci avrete capito niente, ma non importa LOL. Fatto sta che il 17 Settembre era un venerdi’ (Venerdi` 17! Ed ad Agosto c’era stato Venerdi` 13 xD) e che c’era ancora Chiara (mi sembra passata una vita da quando se n’e` andata) ma soprattutto era vacanza! Quindi Chiara ed io abbiamo programmato quella giornata perfetta 😀 Abbiamo preso il pullman per Hamilton delle 10 (ormai e` una cosa normale, ma allora era “la prima volta”) e arrivate a Ham abbiamo preso quello per Chartwell. Avevamo tutto precisamente programmato: nn avevamo fatto colazione per poterla fare a Chart con quel mega frullatone di Wandy (molto meglio il MIO ala banana ;P) e poi abbiamo fatto il giro di tutti i 2$ shop alla ricerca di Souvenir per l’Italia..e ora non crediate che vi diro` cosa ho preso 😛 Poi siamo tornate in Town per fare pranzo dall’Indiano (anche questo era programmato!) che e` veramente buono e chiara ha provato la beef piccante e quando ha messo in bocca il primo boccone la scena e` stata piu` o meno: “Oh, it’s not so Ho..ooooooooooooooooot!”, la mia reazione e` piu` che ovvia LOL. Poi abbiamo fatto un po’ di shopping per noi (e fare shopping con Chiara e` stupendo… Milano a Gennaio non me lo toglie nessuno!!) e abbiamo trovato la maglia che volevamo tanto (quella lunga con le tasche) peccato che nel colore che voelvo io c’era solo piu` XS, ma l’ho presa lo stesso (costava tipo 5 euro) e poi, dopo un frappuccino da Starbucks (anche questo programmatissimo!!), abbiamo iniziato la ricerca per la minigonna che Chiara tanto voleva, ma tutto a vuoto! Alle 4, siamo di nuovo a Morrinsville e decidiamo di continuare la ricera della minigonna, al primo negozio che entriamo (A morrinsvilleeee!!) la troviamo, noi contentissime cominciamo a scegliere quale provare, ma in quel momento entra Michaela dicendo: “Oh, U r here!! Come Lynnly is waiting for u!” e ci trascina fuori .-. In poche parole niente minigonna.

Ah, un’altra cosa da ricordare di questa giornata e` lo scambio di battutte tra me e Chiara quando torniamo a casa sua. Io volevo le sue foto e avevo deciso di metterle sulla mia memoria della macchinafoto, cosi’ ero seduta in camera di Chiara con il suo computer in mano e chiara mi fa: <<Ti lascio la mia “camera”?>> intendento la macchinafoto e io tutta convita le rispondo: <<Perche`, tu dove vai?>>. E dopo questa perla di saggezza, vi saluto, miei quesi inesistenti lettori 😀

Annunci

Comments (4) »

Xtmas is coming!

P R E S E N T E

Lo so, cio’ che sto per dire e` frivolo ed insensato, ma e` cosi`: vedere gli alberi, gli addobbi, i dolci per Natale proprio di fianco alla sventita di costumi e tavole da surf mi sconbussola. *Vi avevo avvertito che era un’informazione inutile! * Comunque oggi sono andata a farmi un giro alla Warehouse (avevo bisogno di una Top Up, la seconda da quando sono arrivata!) e mi sono ritrovata proprio nel reparto Nuovi Arrivi ed e’ cosi’ che su uno scaffale c’erano gli addobbi di Natale (anche i Kiwi, come noi, si preparano in grand anticipo) e sull’altro i cosumi. Non c’e’ niente di sbagliato in tutto questo, ma devo ammeterlo, e’ strano. Natale per me vuol dire: freddo, neve e settimana bianca non sole, spiaggia e surf. Oppure vuol dire cioccolata calda con la coperta di pile sul divano, altro che gelato in maglietta e pantaloncini. Tutto questo e’ soltanto un modo diverso per affronare le cose, ma a volte ci sono cose che preferiresti non cambiare: e’ il mio Natale e’ qualcosa che non cambierei.

P A S S A T O [05 Settembre]

Il cinque settembre e’ uscito nelle sale neozelandesi Tomorrow when the war began. Molti di voi non sapranno neanche di che si tratti e effettivamente non lo sapevo neanch’io prima che la mia hostsister mi chiedesse se avevo voglia di andarlo a vedere con lei e Steff (Migliore amica della hostsister, tanto per intenderci). Cosi’ ho scoperto che questo film (da me sconsociuto) e’ tratto da un omonimo romanzo di John Marsden, anzi da una collana di romani (per la precisione 7)  che hanno spopolato in quest’emisfermo (principalmente in Australia, dove la storia e’ ambientata) quasi piu’ di Harry Potter. La storia e’ semplice: un gruppo di ragazzi parte per un campeggio di tre giorni nell’entroterra australiano, isolati da tutto e da tutti, quando tornano alla realta’ l’Australia e’ stata invasa ed e’ scoppiata la guerra. Fatto sta che loro sono gli unici a non essere stati catturati (o qualcosa di simile) e decidono di combattere a loro volta. La scena finale del film rappresenta proprio loro, nei vestiti da “combattimento” in cima a una montagna che guarda con aria del tipo: “Ve la faremo pagare” la loro citta’ invasa dai nemici. Il problema e’ che ora voglio vedere gli altri, e da noi non sembra  stia uscendo neanche il primo (correggetemi se sbaglio) quindi come faccio?!

 

PS: Pare che anche i blog emettano CO2 (non chietemi come), e così e` stato iniziato un progetto chiamto “Make it Green” (click qui per vedere il loro sito) si tratta di un’idea  semplice: viene piantato un albero  per ogni blog che uno segnala (Sinceramente non so se  la cosa funzioni, però tentare non costa nulla).

Comments (2) »

Tennis & Shopping

P R E S E N T E

Con la fine della scuola e  l’arrivo del sole, a Morrinsville e’ iniziata la stagione del Tennis. I neozelandesi sono fatti cosi’: se c’e’ uno sport che possono fare loro lo fanno ed e’ cosi’ che tutti, chi piu’ e chi meno, giocano a tennis. Quindi come non cogliere quest’occasione per inizare un nuovo sport per cui sono asolutamente non portata? Le mie esperienze con i tennis sono poche e senza dubbio non suscitano bei ricordi: ho fatto un corso all’eta’ di 10 anni (credo) con il Miniclub del costaserena e poi ho passato qualche estate a giocarci con il verdestate, ovviamente senza mai prendere una palla, fatto sta che non l’ho mai visto di buon occhio. E adesso? Adesso sono in Nuova Zelanda e tutto cambia. Cosi’ Leticia ed io ci siamo iscritte ad un corso di otto settimane (il problema e’ che saro’ qui solo per 5, sed), due volte a settimana: il lunedi’ la pratica e il venerdi’ si gioca. Quasi non ci credo ma e’ STRADIVERTENTE. Il nostro gruppo e’ un gruppo piccolo, di ragazze, e ovviamente di principianti e non interessa assolutamente a nessuno se non prendi una palla o la mandi dalla parte opposta del campo (cosa che mi succede sempre). Qui lo sport e’ preso come un gioco, non c’e’ tutta quella competivita’ che c’e’ da noi, ed e’ divertente anche per una come me!

P A S S A T O  [28 Agosto]

Mi viene quasi difficile ricordare passo per passo questa giorrata, talmente tante cose abbiamo fatto. Siamo partite il mattino presto per Hamilton: Chiara, Michaela ed io e siamo tornate a casa alle otto di sera! Quindi, non mi dilunghero’, ecco qui un elenco di cosa e’ stato quel sabato perfetto:

  • Passare la mattina al FAN ZONE (dove vuole tanto andare mia sorella xD) a giocare a videogiochi e fax simili.
  • Provare il gioco del ballo (che sa tanto di telefilm americano) e guardarci (io e chiara, ovvio) con aria perplessa quando le freccie erano tre in contemporanea, e capire solo dopo che dovevamo mettere una mano.
  • Andare alla WAREHOUSE perche’ tutti gli altri negozi erano ancora chiusi.
  • Provare tutti i giochi per bambini: trecicli, skateboard, costumi di carnevale ect..
  • Andare tutta convinta sullo skateboard e dire: “I’m a geniusssss” e a quel punto cadere.
  • Fare pranzo da SUBWAY con il panino al tonno!
  • Andare al cinema a vedere STUP UP 3 (sopra c’e’ il trailer) e capire tutto, ma proprio tutto: sara’ forse perche’ parlano poco e ballano molto?
  • Aspettare il Pullman per mezz’ora (perche’ e’ cosi’ che funziona qui).
  • Visitare tutti gli HAMILTON GARDENS sotto la pioggia cercando di farci foto con l’autoscatto.
  • Perderci agli HG e finire in un CIMITERO (di cui nessuno sapeva l’esistenza).
  • Essere venute a prendere perche’ ormai disperete e poi tornare a casa 😀

Leave a comment »

Ufficialmente in V A C A N Z A

 

P R E S E N T E

Da quattro giorni sono ufficialmente, totalmente e assolutamente in vacanza. Il sole splende sulla Nuova Zelanda e mi godo cosi’ le meritate vacanze che mi sono persa in Italia. Devo ammetterlo pero’: non mi e’ mai dispiaciuto cosi’ tanto che la scuola finisse. Sul serio, io sono una da countdown dei giorni scolastici e che quando l’ultima campanella suona tira un respiro di sollievo. Quando l’ultima campanella del venerdi’ pomeriggio e’ suonata al Morrinsville College non e’ successo: ero soltanto, semplicemente dispiaciuta. Ma penso che lo scrivero’ un’ altra volta l’intervento sull’ultimo giorno di scuola, ora mi dedico ai miei primi giorni di vacanza: Lunedi’&Martedi’ xD. Devo ammettere che essere in vacanza e passare le proprie giornate a crogiolarsi nell’ozio e’ quasi noioso! Perche’ qui funziona cosi’: finita la scuola si ha una settimana dedicata allo studio e poi tutti i neozelandesi (di ogni eta’) iniziano gli esami di fine anno, ma io (non so se fortunatamente o no) non li devo fare. Fatto sta che ora sono tutti a casa a studiare e io mi ritrovo sola soletta a far scorrere le mie giornate, con solo qualche scappatina in Palestra, DownTown o a giocare a Tennis (il mio prossimo intervento sara’ dedicato proprio a quello!). In realta’ sta mattina ho ricevuto un mesaggio da Brad, che mi diceva di aver avuto una brillante idea per farmi passare questa settimana, gli ho cheisto cosa ma nn mi ha ancora risposto. Anche se posso suppore qualcosa: tipo che vuole una mano a preparare l’esame di fisica o matematica (sti neozelandesi non sono proprio capaci xD). Ah, e poi ovviamente (per la gioia di Mamma) ho iniziato a studiare storia e filo: Macchiavelli e La Rivoluzione Americana (mi e` tornato in mente il futuro lavoro di otta xD) sono andatiii! Ma e’ quella francese che mi spaventa, sono troppe pagine, e io non sono piu’ abituata a studiare! Mi sto ancora chiedendo: Ma chi me lo fa fare di tornare in Italia?

P A S S A T O [25 Agosto]

Happy B-day Chrissss 😀

E’ stato il 25 Agosto, piu’ di due mesi fa, ma in fondo me lo ricordo ancora bene. Avevamo solo tre ore a scuola (a causa di un qualche sciopero di insegnanti) ed era un Mercoledi’, ma soprattutto era il complanno di Chris: della mia giraffa preferita! La sua hostmum le aveva chiesto cosa voleva fare per il suo compleanno e lei da “tipica ragazza” aveva risposto: “SHOPPING“. Cosi’ quel mercoledi’ mattina lei, Lisa (la sorella tedesca) e la hostmum sono partite dalla tranquilla Waihi Beach per venire a Hamilton a fare shopping. Quindi che altro poteva fare la mia compagna di imporoponibili avventure se non chiamarmi?  Cosi’ dopo aver ben esposto la situazione a Sandra sono riuscita ad evitarmi anche quei tre periodi che avevo, per andare a Hamilton con Chris e Lisa!! La prima tappa e’ stata THE BASE (tanto per cambiare) dove abbiamo passato la mattinata, arrivata l’ora di pranzo ci siamo dirette al LAGO di HAMILTON e abbiamo mangiato un panino sedute all’aria aperta di fronte al lago (anche se sinceramente faceva un freddo assurdo, il nostro Agosto e’ tutta un’altra storia LOL) e per finire siamo state in TOWN, dove non poteva mancare un frappuccino al cioccolato di Starbucks (e il camerirere si ricordava il mio nome!) e dove abbiamo incontrato TopoGigio (che ridere! Con Lisa che non capiva assolutamente niente e il lunghissimo messaggio a Matt, di cui la risposta e’ stata “hahahah :)” ). Devo ammettere che e’ stata una grand bella giornata, particolare senza dubbio e che pero’ Christina ha ragione: la sua hostmum e’ assolutamente insopportabile (lunga vita a Sandra&Jim!!).

Leave a comment »

Ore 10.00. Sabato Mattina. Partiamo con un po’ di ritardo, tanto abbiamo tutta la giornata davanti.
Ore 10.30. Arriviamo a Hamilton e non abbiamo la piu` pallida idea di dove andare. Girovaghiamo per un po’ senza risultati.
Ore 10.45. Li vediamo. Dopo un mese e mezzo dalla nostra partenza, dal viaggio, dall’Orientation, li rivediamo. Al bordo di un campo da calcio fangoso ci sono Elena, Lisa, Federico e Christofer che gioca. I “ragazzi” sono venuti a Hamilton per una partita di calcio organizzata dalla scuola, e noi “ragazze” abbiamo organizzato di andarli a vedere. Anche se alla fine quando Federico ha visto delle faccie “Amiche” e` uscito a chiaccherare e nessuno di noi l’ha mai visto giocare. Ma infondo [come ha detto anche lui] forse e` meglio se non ha giocato.
Ore 11.30. La partita finisce [3 vs 3] e noi abbiamo avuto il tempo per aggiornarci su tutto: scuola, famiglia, cibo…un po’ in Italiano e un po’ in Inglese per far capire anche a Lisa.
Ore 11.40. AfterMatch. I ragazzi si riposano, mangiano e noi decidiamo cosa fare: un giro alla Base [una specie di centro commericiale all’apero]!! Ma poi arrivano i primi problemi. Ad esempio: come ci arriviamo fino alla Base?! Ma i ragazzi neozelandesi sono piu` che disponibili: tranquille noi abbiamo una macchina e un MiniVan, un po’ di posto lo troviamo!!
Ore 11.50. Panico. Il coach e’ partio alla fine della partida diretto a Aukland e lui ha le chiavi del MiniVan. In poche parole c’e’ un’intera squadra di calcio piu’ sei studenti internazionali bloccatti nel bel mezzo di Hamilton!!
Ore 12.00. Uno dei ragazzi ci raggiunge, parla con Federico e poi ci dice: “Ok ragazzi, si riesce a paritre!”. Ci guardaimo perplessi e qualcuno osa chiedere: “Avete trovato le chiavi?”. Ma la risposta e’ stata: “Oh no, sono un meccanico!!”. Abbiamo cominciato a ridere, per non piangere.
Ore 12.15. Dopo aver vissuto nel terrore per un quarto d’ora se non di piu’ arriviamo at The Base. Cominciamo a girare per i negozzi senza smettere un minuto di chiaccherare, di raccontare e poi andaimo a fare pranzo: crocchette di pollo e patatine. Tipico neozelandese!!
Ore 2.30.  Dopo aver continuato a girovagare a vuoto per un paio di ore ci ricongiungiamo con la squadra Neozelandese che deve tornare a casa [sempre con il MiniVan xD]. Cosi’ gli lasciamo Federico e noi ragazze decisitamo di prendere un pullman che ci porti alla City.
Ore 3.15. Qui i pullman non passano mai. Uno ogni mezz’ora. Un attesa terribile. Pero’ alla fine ce l’abbiamo fatta e siamo arrivate in centro. La prima volta mia e di Chiara. Decisamente Niente Male.
Ore 3.20. Entriamo da Sturbucks per la prima volta dall’alta parte del mondo. Primo Frappuccino al cioccolato [<3] con sopra il proprio nome. Da questa parte del mondo si usa cosi’: il cameriere di Sturbucks ti chiede il tuo nome e lo scrive sul bicchiere!!
Ore 4.00. Dopo un giro per negozzi [tanto per cambiare] dobbiamo tornare a casa. Lynnley e’ venuta a prenderci. Ma senza dubbio e’ stata una giornata perfetta ❤
 
Quindi GRAZIE a Federico, Lisa, Elena, Chiara che c’e` sempre, alla squdra di calcio, al MiniVan e ai “Condom” xD

Leave a comment »

CandylandeMiniGolf&Zoo

H 9.15 partenza da Morrinsville. Io e mia sorella: lei ha solo 18 anni, un anno piu’ di me. Non potrebbe portarmi in macchina per le regole della ARK. Ma oggi non importa. Oggi e’ la nostra giornata.

H 10.00 Candylande. Arriviamo a una specie di Fabbrica Di Cioccoloato dove ci accoglie una Willy Wonka [che non assomiglia neanche lontanamente a Johnny Depp] vestito da re e ci mostra la sua fabbrica, una tacoletta di cioccolato da un kilo e mezzo e come fare i lecca-lecca [quelli rotondi, tutti colorati che si vedono nei film e nei parchi divertimento] e poi ce ne fa fare uno!! Cosi’ arrotoliamo una melma verde [tanto qui e’ tutto di questo colore] intorno ad uno stick. Il mio doveva essere un cuore, ma in verita’ non e’ venuto e quindi ora mi ritrovo con una cpsa informe attaccata ad un bastoncino di legno xD.

H 12.00 MiniGolf. Bisogna ammettere che il MiniGolf non ricorda neanche lontanamente il MiniGolf di Luserna S.Giovanni! E’ una cosa enormeee: 18 buche, stgnetti, ruscelli e circondato da prati di cui non puo ivedere la fine. E stato veramente divertente, ma dopo aver imbucato una pallina con 19 colpi ho spuntato anche “GOLF’ tra gli sport che non so fare!!

H 13.30 Lunch. Sano passo NeoZelandese, tanto per cambiare: Hamburger e Patatine!! Ah, ho notato una cosa: qui mangiare costa pochissimo e gelati sono l’unica cosa che costa uno sproposito!

H 14.30 Zoo. Ultima tappa. In verita’ non mi sono mai piaciuti troppo gli Zoo, ma qui di spazio gli animali ne hanno parecchio [avendo tanto di quello spazio la NuovaZelanda]. E cosi’ abbiamo camminato su e giu’ per colllinette e sentieri per due ore!! Ognuna di noi doveva trovare il suo animale preferito, e io, fin da subito, ho pensato alla tigre [ovvio!]. Ma poi e’ successa una cosa strana: di tigri non ne abbiamo viste, ma ci sono state le giraffe! Quell’animale che non avevo mai preso in considerazione, ma che e’ stato il protagonista della favola della BuonaNotte che la WEP ci ha raccontato la sera del 18 Aprile a Verona. E che ormai e’ diventato la mascotte di tutta l’esperienza: “Devi essere una giraffa” e’ giusto ripetersi ogni tanto! E cosi’ ho visto le giraffe e gli ho dato da mangiare una carota, e la giornata non poteva concludersi meglio! 😀

Comments (1) »

INCEPTION

INCEPTION: primo film al cinema in Nuova Zelanda. Realy Coool! Ma diciamo che il mio hostbrother poteva scegliere meglio. Cioè il film è proprio bello e lo consigli ovviamente a tutti, però è complicatissimo!!  Kate [la fidanzata di Daniel] sostiene di non aver capito la fine, figuriamoci io che l’ho visto tutto in una lingua che non è la mia. Comunque come sabato pomeriggio non è stato male [considerando che sia Sandra che Emma dovevano lavorare e quindi non potevamo andare da nessuna parte]. In poche parole sono stata a Hamilton con Daniel, Jate e Josh [che non si sa bene da dove sia spuntato fuori ma ultimamente è sempre da noi xD] in una specie di centro commerciale, dotato di una quantità innumerevole di FastFood/TakeAway. Tra questi ce n’è anche uno specializzato nella pasta e ovviamente mi hanno chiesto se volevo mangiare lì, ma io da brava Giraffa [e perché quella pasta non mi ispirava per niente] ho risposto: “Visto che sono qui, preferisco mangiare qualcosa di Neozelandese”. Risultato: hamburger+patatine xD. Poi però Daniel mi ha anche offerto una cosa strana: tipo granita alla coca-cola, ma mooolto più buona! A questo punto abbiamo visto il complicatissimo film.

Come sabato pomeriggio  non è stato male, ma il prossimo la mia hostmum non lavora, quindi si va a Candylande o a visitare Hamilton. Yep C=

Leave a comment »